Note introduttive

Il Concerto per il nuovo anno ci vede protagonisti presso il Palazzo di Città di Cava dei Tirreni. L’appuntamento è promosso dall’Assessorato alla cultura e rientra nel più ampio cartellone, organizzato per celebrare al meglio le festività natalizie e di capodanno. Il programma proposto è caratterizzato da una parte dedicata alla musica barocca e da una parte all’esecuzione di celebri melodie natalizie della tradizione. Apre il concerto la poco conosciuta sinfonia da L’Olimpiade di Giovanni Battista Pergolesi, dal carattere sostanzialmente unitario dell’invenzione musicale: una tonalità di cordiale, gioiosa freschezza spira da ogni singola pagina di questo brano, qualità che hanno l’obiettivo di esaltare la trama dell’opera caratterizzata dal binomio bellezza-gioventù, peculiare di questo dramma. Il mottetto Exsultate, Jubilate di Mozart risale al suo soggiorno milanese e fu scritto per il castrato Venanzio Rauzzini. Seguono il Concerto in la minore RV 356 per violino e orchestra d’archi di Antonio Vivaldi e l’Adagio in sol minore di Tommaso Albinoni. Come da tradizione non potevano mancare le celebri melodie natalizie che rievocano la Santa Natività e il laico avvento dell’inverno (e mettiamoci pure la fine dell’anno gregoriano), canti, che si sono tramandati grazie all’oralità e a qualche trascrizione e arrangiamento più o meno raffinati. L’Europa esprime tutta la varietà immaginabile in un mosaico di tradizioni di culture e geografie assai distanti tra loro: i vicoli brulicanti di Napoli, il cammino ovattato su un sentiero alpino o una fredda notte in mare aperto. Dalle liturgie derivano nel Seicento le forme scritte dei primi canti. Odi e intime ninnenanne per il bambino Gesù riecheggiavano a nord. Mentre moltissimi sono i canti che intonavano i pastori, riprendendo laudi legate a liturgie e processioni, già celebrate nel XIII secolo. Senza ambizioni filologiche proviamo ad evocare qualcuna delle musiche natalizie più conosciute nell’Europa popolare, sperando che scaldino l’atmosfera di una attesa, o il benaugurio dell’inizio d’anno nuovo.

Orchestra Filarmonica Campana
Soprani Luana Lombardi
Mezzosoprano Lucia Branda
Violino Alessia Avagliano
Tromba Raffaele Alfano
Direttore Giulio Marazia

Programma:
Giovanni Battista Pergolesi
L’Olimpiade, sinfonia

Wolfgang Amadeus Mozart
Exsultate Jubilate, mottetto per soprano e orchestra in fa maggiore KV 165

S. Alfonso M. De Liguori
Quanno nascette ninno

S. Alfonso M. De Liguori
Tu scendi dalle stelle

Antonio Vivaldi
Concerto per violino, archi e b.c. in la minore RV 356

Tommaso Albinoni
Adagio in sol minore (arr. per tromba e orchestra d’archi)

Franz Xavier Gruber
Stille nacht

Adolphe Adam
O Holy Night

Anonimo
Adeste Fideles

scarica il PROGRAMMA di SALA

Condividi