Si è conclusa sabato 7 Giugno la Stagione Artistica che l’Associazione Culturale e Musicale La Maison des Artistes ha organizzato per la sua città e i territori limitrofi. Abbiamo intrapreso questo progetto unicamente con il fine di poter permettere a quante più persone un incontro con la musica e con i musicisti. Una Stagione Artistica ha per sua natura lo scopo di agevolare il cittadino a fruire di incontri musicali e teatrali cercando di offrire stimoli e interessi. Purtroppo capita troppo spesso che questi eventi siano organizzati in maniera occasionale senza riuscire a coinvolgere il pubblico che ne viene a conoscenza in maniera del tutto accidentale. Una programmazione annuale permette invece di informare con regolarità i cittadini utilizzando anzitempo nel modo migliore i mezzi di comunicazione. Crediamo che nel panorama culturale la musica, il teatro e tutte le arti in senso generale non possano essere tenute in secondo piano, ma anzi debbano entrare a far parte di uno stabile tessuto educativo per tutti.
A tal fine la stagione appena conclusa con le sue compagini artistiche operanti al suo interno, l’Orchestra Filarmonica Campana, il Coro Collegium Vocale Salernitano e la Compagnia Teatrale I Fanciullini ha dato vita al progetto che ha previsto quindici appuntamenti divisi tra musica, teatro e spettacoli per i ragazzi. In questo senso numerosi eventi per il teatro-scuola per i ragazzi di ogni ordine e grado di istruzione con un elevato tasso didattico sono stati proposti al Teatro Diana di Nocera Inferiore (Sa) dove hanno riscosso un ottimo successo con circa 1500 ragazzi presenti, provenienti da tutto l’Agro nocerino sarnese, distribuiti in una settimana di eventi. Un Natale da Favola, Inferno Bullesco e Mac Olimpo con la regia di Teresa Barbara Oliva hanno saputo cogliere le esigenze educative dei discenti dando vita a uno scambio di informazioni e approfondimenti in maniera diretta e appassionata. La scelta artistica di quest’anno ha percorso anche generi diversi spaziando attraverso sentieri colti senza trascurare le suggestioni della musica contemporanea e della romanza d’autore. Dopo gli eventi natalizi che hanno visto protagonisti il Coro Collegium Salernitano, diretto dal Maestro Ivan Antonio, in un programma di musica sacra nello splendido scenario della Chiesa Madre Corpo di Cristo di Pagani con le voci soliste dei soprani Rossella Soldani e Carmen Esposito, ecco che l’attenzione si è spostata al Concerto di Capodanno dell’Orchestra Filarmonica Campana con un programma incentrato su musiche della famiglia Strauss, per rimanere nella tipica tradizione viennese, ma che ha anche saputo far conoscere al pubblico perle del Romanticismo musicale con brani di Schumann, Dvorak e Brahms nella prima parte; lo stesso concerto è stato poi bissato al Teatro Diana, dove la Filarmonica ha avuto l’invito dal Comune di Nocera Inferiore e dall’Associazione Culturale Li Pira, per un evento a scopo benefico. Sul podio il nostro direttore artistico e musicale, il maestro Giulio Marazia, che ha firmato anche l’intero cartellone, è riuscito a trasmettere agli ascoltatori un’esplosione di energia sonora, sfruttando al meglio la vastissima tavolozza timbrica orchestrale a disposizione e imprimendo, attraverso una fantastica capacità comunicativa, una grande e sensibile interpretazione. Successivamente ecco protagonista di nuovo il Collegium Vocale che ha dato il meglio di se nel programma dedicato totalmente al mondo della romanza e dell’operetta, mettendo in evidenza gran classe e filologia con questo tipo di repertorio. La serata ha segnato il debutto con il nostro sodalizio del soprano Annapaola Troiano e la presenza del già navigato tenore Achille Del Giudice che ha deliziato i presenti con una toccante interpretazione delle arie da camera di Tosti. Da segnalare a marzo per la compagnia teatrale I Fanciullini il primo riconoscimento nella VI Rassegna Teatrale “Città di Pagani” 2013-2014 organizzata dal Circolo dove si è aggiudicata i premi per la miglior regia (Teresa Barbara Oliva) e il miglior attore non protagonista (Lorenzo Damiano). Ad aprile ecco il debutto sul podio del giovane direttore Ivan Antonio, per la prima volta a capo della Filarmonica Campana, nei concerti Crucifixus e Viva Mozart!Il primo, a Paestum (Sa), in un programma dedicato alla Pasqua con il famoso Stabat Mater di Pergolesi e brani sacri di Mozart con la presenza del coro e la partecipazione solistica dei soprani Giovanna Falco e Giusy Luana Lombardi. Nel secondo programma concerto monografico sul compositore austriaco con l’esecuzione delle Sinfonie n. 1 e 29 e il concerto per violino n. 5, con protagonista la violinista Alessia Avagliano, anch’essa debuttante come solista. E sì perché la Filarmonica Campana riesce pure a scovare talenti e dare loro la possibilità di confrontarsi con il grande repertorio solistico. L’impegno e il talento del direttore Ivan Antonio hanno saputo donare al pubblico tutta l’energia e la vitalità delle musiche del giovane Mozart con una bella prova di espressività e prontezza, dimostrando una sapiente direzione pulita e concreta. A maggio ancora spazio a Mozart, ma quello maturo della trilogia dapontiana, con un concerto dalla splendida cornice del Santuario della Madonna delle Galline di Pagani, con il Coro Collegium Vocale Salernitano, l’Orchestra Filarmonica Campana, il baritono Angelo Corrado e ancora il soprano Giusy Luana Lombardi. E proprio lei con la sua voce duttile e adattabile a qualsiasi ruolo è una protagonista indiscussa della nostra attività, sia con il teatro che con la musica, riuscendo ad affermarsi in entrambe le cose con una voce espressiva dal timbro marcato e penetrante. La stagione si è poi chiusa con il concerto di musica contemporanea Atmosfere Francesi che ha visto la premierè di tre composizioni commissionate dalla Filarmonica: La Voce a Te dovuta, 5 episodi per violoncello e orchestra di G. Marazia (solista Antonio Amato), Amore e Psiche, poema per violino e orchestra di I. Antonio (solista Elena Nunziante, voci B. Amato, F. Manzo, G. L. Lombardi), Il Nuvolo Innamorato, suite per voce recit. e orchestra di O. Lusi (voce recit. Teresa B. Oliva). Il programma si chiudeva con il celeberrimo Prelude a l’apres midi-d’un faune, poema per orchestra di C. Debussy. Sul podio il maestro Beatrice Venezi, direttore ospite, che ha interpretato al meglio la serata in un repertorio a lei congeniale, dimostrando fin da subito grande padronanza tecnica e una vasta varietà di intenzioni espressive, dovute e supportate dalla sua sensibilità. Una giovane donna (si stanno affermando anche in questo campo, con ottimi risultati) che ha condotto tutti i presenti, dall’orchestra al pubblico, in una vera condizione di elevazione musicale dello spirito e quindi capace di esprimere con notevole energia il lato migliore della musica, quello che riguarda l’interpretazione. Anche i solisti (Nunziante, Amato) sono riusciti ad ottenere una buona trama strumentale con un suono chiaro e cristallino ma anche ricco di colori e di sfumature davvero impensabili. E non poteva chiudersi meglio la stagione con energia, professionalità, determinazione che hanno trasformato in opera d’arte quanto programmato a tempo di record. Un eclettismo di sinergie che hanno operato con efficacia grazie a quella robusta convinzione che solo competenza, talento e volontà sanno dare. L’Orchestra, il Coro, la Compagnia Teatrale, i direttori, i solisti, uno staff organizzativo impeccabile: davvero un’eclettica macchina collaborativa che a passi leggeri e ben assestati si è avviata verso questo primo cartellone della sua storia con appuntamenti nel corso dei quali l’intenso, anche se breve, percorso di preparazione degli spettacoli si è manifestato in tutta la sua magnetica energia calamitando il pubblico in tutti gli appuntamenti e registrando la media del tutto esaurito ad ogni evento e riempendo in ogni sua parte la Sala Concerti Ferrante del Circolo Unione. E proprio dal nostro pubblico vogliono partire i ringraziamenti finali, che ci ha sostenuto con la presenza, il Circolo Unione che ci ha ospitato, Eugenio Pisani nostro art director e webdesigner, il Comune di Pagani, di Nocera Inferiore e Nocera Superiore per la concessione dei patrocini morali. Si ringrazia infine il nostro partner stampa Il Volto, blog di informazione e cultura curato da Antonio Scutiero. Seguiteci sui nostri social network Facebook, Twitter, You Tube dove potrete sempre essere aggiornati sulla nostra attività e dove a breve avranno diffusione i video ufficiali della stagione trascorsa e sarà annunciata la prossima stagione in anteprima.