Sostieni OFC

 

 

 

Attraverso lo sviluppo e il consolidamento culturale di un’area, finalità che la nostra associazione dedica già da anni un lavoro continuo e consistente, si possono generare effetti positivi che hanno un effettivo ritorno in termini di benessere economico e sociale. L’output che l’investimento culturale può innescare non si limita a creare un, seppur virtuoso, flusso di denaro. Vi sono beni e servizi che non possono essere suscettibili di una valutazione meramente monetaria, il cui valore è per definizione considerato intangibile. Attraverso l’investimento in attività culturali si aumenta il livello intellettuale del capitale sociale che vive di relazioni, interscambio di conoscenze e cooperazione. Tali fattori sono riconosciuti dal pensiero economico come determinanti fornendo uno sviluppo e una crescita umana di una società. Inoltre numerosi studi dimostrano che laddove vi è maggiore investimento in cultura, diminuisce la criminalità, aumenta la qualità della vita e di conseguenza la capacità di attrarre investimenti. La letteratura economica si muove quindi in una direzione e dimostra che il settore culturale non è semplicemente un settore di allocazione delle risorse, ma può generare attività economica, ricchezza privata e collettiva, esternalità positive in grado di ricadere su aree geografiche estese. Per le persone e le aziende che effettuano erogazioni liberali in favore di OFC sono previsti diversi benefici fiscali, consistenti in una detrazione dall’Irpef. Le persone fisiche possono portare in detrazione dall’Irpef, nella misura del 19%, le erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche. In particolare, possono fruire di tale beneficio le erogazioni liberali in denaro effettuate a favore di associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro, che svolgono o promuovono attività di studio, di ricerca e di documentazione di rilevante valore culturale e artistico o che organizzano e realizzano attività culturali.

Persone singole

I donatori possono scegliere di detrarre l’erogazione liberale dall’imposta, oppure di dedurla dal proprio reddito, in due modi alternativamente: detrarre dall’imposta lorda il 19% dell’importo donato, fino ad un massimo di 30.000 euro (DPR. 917/86 e L.96/2012); dedurre dal reddito le donazioni, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e, comunque, nella misura massima di 70.000,00 euro annui (art. 14, Decreto Legge 35/05 convertito in Legge n. 80 del 14/05/2005). In generale, risulterà più conveniente dedurre l’erogazione dal reddito imponibile, quando l’aliquota marginale Irpef sia superiore alla percentuale di detrazione, che è oggi fissata al 19%. E’ possibile però individuare situazioni in cui risulti più conveniente la detrazione.

Aziende

Anche le imprese (imprenditori individuali, società di persone, società di capitali, enti commerciali, eccetera) possono usufruire di vantaggi fiscali per le liberalità a favore del settore culturale e dello spettacolo. In particolare, si possono distinguere tre diversi tipi di erogazioni che consentono tutte la deducibilità dal reddito di impresa. Possono essere dedotte dal reddito d’impresa, per l’intero ammontare delle erogazioni effettuate, le somme in denaro che le imprese destinano a soggetti operanti nei settori dei beni culturali e dello spettacolo per lo svolgimento dei loro compiti istituzionali e per la realizzazione dei programmi culturali. Le imprese che effettuano queste erogazioni liberali devono comunicarle entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento al Ministero per i beni e le attività culturali e, per via telematica, all’Agenzia delle Entrate riportando le seguenti indicazioni: l’ammontare delle erogazioni effettuate nel periodo di imposta; le proprie generalità complete, comprensive dei dati fiscali; i soggetti beneficiari dell’erogazione. Le aziende possono dedurre le erogazioni liberali in due modi alternativamente: dedurre le donazioni dal reddito per un importo non superiore a 30.000 euro o al 2% del reddito d’azienda dichiarato (art.100, comma 2 del D.P.R. 917/86); dedurre dal reddito le donazioni, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e, comunque, nella misura massima di 70.000,00 euro annui (art. 14, comma 1 del Decreto Legge 35/05 convertito in Legge n. 80 del 14/05/2005). Per ulteriori chiarimenti, consigliamo di rivolgersi al consulente di fiducia o al CAF. Ricordiamo che si può godere dei benefici fiscali previsti dalla legge effettuando le erogazioni liberali tramite bonifico bancario, ufficio postale o altri sistemi di pagamento tracciabili (carte di debito, di credito, prepagate…). Nel nome del beneficiario deve essere riportata la corretta dicitura si dovrà scrivere quindi “Associazione Filarmonica Campana”. Per consentirci di mandare la ricevuta di versamento necessaria per richiedere i fiscali, chiediamo cortesemente di farci avere l’indirizzo email, eventualmente segnandolo nella causale del versamento. Ricordiamo infine di conservare e allegare alla dichiarazione dei redditi: l’estratto conto della carta di credito, se hai donato con carta di credito e l’estratto conto del conto corrente bancario o postale, in caso di bonifico.

Sponsorizzazioni

La sponsorizzazione, opportunamente contrattualizzata, consente all’azienda una piena deducibilità della somma erogata a OFC. In particolare, l’azienda ha la facoltà di scegliere tra: la deduzione totale nell’esercizio di sostenimento del costo; la ripartizione in 5 esercizi in quote costanti (20% della spesa per ogni esercizio considerato). Sostenere la Stagione Concertistica dell’Orchestra Filarmonica Campana è un’opportunità per le Aziende che vogliono diversificare il proprio mix di comunicazione, sviluppare i canali di attuazione della responsabilità d’impresa e promuovere la propria immagine aziendale attraverso l’accostamento a un evento in forte crescita e a tematiche riconosciute come prioritarie in ambito regionale, nazionale ed europeo (valorizzazione del patrimonio culturale, formazione del nuovo pubblico delle arti e della musica). Si tratta inoltre di un’occasione ideale per rafforzare le relazioni con la comunità locale e, contemporaneamente, presentarsi a un pubblico internazionale. L’Azienda potrà inoltre trarre vantaggio dalla partecipazione all’iniziativa offrendone l’esperienza diretta come benefit ai propri dipendenti, collaboratori, partner, che avranno la possibilità di godere in prima persona di questa full-immersion nella Musica e nel Bello. L’evento, che si caratterizza per l’ampissima offerta di eventi e spazi disponibili, è ideale per accogliere iniziative diversificate e formulate sull’esigenze delle Aziende interessate a promuoverlo.

Dati da compilare

Nome, Cognome, Luogo e Data di nascita, Aziende/Ente, Indirizzo, CAP, Città, Codice Fiscale, Telefono, Email, Sito internet, Firma e Data.

Le seguenti informazioni vanno inviate:

per posta all’indirizzo Associazione Culturale e Musicale FILARMONICA CAMPANA – via Nicola Pagano n. 46 – 84016 Pagani (Sa);
per posta elettronica con Pdf allegato firmato all’indirizzo orchestrafilarmonicacampana@gmail.com

E’ possibile effettuare il pagamento direttamente presso i nostri uffici:
Associazione Culturale e Musicale FILARMONICA CAMPANA – via Nicola Pagano n. 46 – 84016 Pagani (Sa)
Tramite assegno bancario o circolare, non trasferibile, intestato ad Associazione FILARMONICA CAMPANA
Tramite Bonifico Bancario: Poste Italiane, Corso Ettore Padovano 64, 84016 Pagani (Sa) – IBAN  IT92R0760115200001031075292 Causale: SOSTIENI OFC

Per Informazioni Segreteria FILARMONICA CAMPANA Pagani (Sa) via Nicola Pagano n. 46 tel. 3493925763